Dodici anni fa moriva un pezzo del cinema e dello spettacolo italiano, Nino Manfredi.

Era il 2004 quando questo eccelso attore, regista e cantante ci ha lasciati ma, un artista come lui, non muore mai, e a riportare in vita la sua storia è stato Luca Manfredi, primogenito del comico ciociaro.

Prodotto da Compagnia Leone Cinematografica, la pellicola “In arte Nino”, apre il decimo Roma Fiction Fest per  raccontare gli anni della gioventù di Saturnino, interpretato da Elio Germano. Per 100 minuti potremo assistere alla crescita di un ragazzo diventato  un grandissimo uomo: dagli anni passati in sanatorio all’Accademia d’Arte Drammatica, al rapporto conflittuale con il padre Romeo, fino all’incontro con Erminia (interpretata da Miriam Leone).

Uno spaccato della dura vita di Nino Manfredi, che va dal 1943 al 1958, quando raggiunge la popolarità ed il successo. Per la prima volta possiamo conoscere il vero Manfredi, che affronta la vita di tutti i giorni, senza mai perdere la sua forza d’animo e la sua contagiosa allegria.

Questo commuovente omaggio cinematografico esordirà prossimamente in prima serata su Rai Uno.