Un richiamo anni’70 con tocco gipsy. Tenerezza è la parola chiave per leggere questa collezione di Gucci.

Alessandro Michele continua il racconto iniziato a gennaio scorso e conferma il suo talento nell’interpretare i gusti e l’estetica di oggi. Nella collezione primavera estate troviamo tailleur “per bene” che si alternano agli abiti a fiori dalle lunghe gonne gipsy, i suit maschili a stampa wallpaper, le mini tuniche con richiami trampe l’oeil, le camice con maxi fiori (cenno anni 70) e le biker racket con borchie.

Gli accessori hanno un sapore vintage e quel richiamo anni ’70 che ripropone in versione più originale, con maxi occhiali glitter baschi di maglia e pelle, tracolle in nappa e maxi anelli in pietre preziose.
Oggetti che raccontano una storia tra passato e futuro, tra già visto e nuovo, tra perfezione e imperfezione in nome di una eleganza contemporanea che già radicato e riconoscibile.
I colori scelti dallo stilista per la collezione primavera estate 2016 sono colori candidi e vivaci come il rosa barbie, il lavanda, il lilla, il senape e lo smeraldo, il verde prato, il giallo sole, il viola, il bianco, il nero e l’oro.
Le forme, decisamente dritte e appena svasate con balze sovrapposte, con lunghezze midi, mini e maxi.

Credits: GUCCI

Redatto da:  STEFANY BARBERIS