Chic Style Autunno 2016: mood Cinema.

C come Chic e come cinema. Un numero sorprendente quello autunnale dedicato alla stagione del Cinema italiano: Venezia, Roma, e molte altre rassegne. Quale miglior scusa per potersi concedere un viaggio all’interno della settima arte? Chic Style magazine autunno 2016 è un sasso che spacca la finestra della quotidianità per farvi immergere in un mondo di disincanto. Nuove fotografie e nuovi concetti che ci arrivano come frame di un film ancora non montato. Ecco cosa sono gli editoriali di moda presenti in questo numero: attimi cinematografici che racchiudono in sé l’essenza stessa del film. Ed allora vediamo una giovane cinefila, seduta su dei seggiolini rossi attenta a “catturare” le immagini che arrivano dirette dal grande schermo. Come non pensare alla famosa frase del film “The Dreamers” di Bertolucci “Ero diventato membro di quella che in quei giorni era una specie di massoneria, la massoneria dei cinefili, quelli che chiamavamo malati di cinema. Io ero uno degli insaziabili, uno di quelli che si siedono vicinissimi allo schermo. Perché ci mettevamo così vicini? Forse era perché volevamo ricevere le immagini per primi, quando erano ancora nuove, ancora fresche, prima che sfuggissero verso il fondo, scavalcando fila dopo fila, spettatore dopo spettatore, finché, sfinite, ormai usate, grandi come un francobollo non fossero ritornate nella cabina di proiezione”. Subito dopo la vediamo dietro le quinte, sarà forse un’attrice in attesa della sua prima? A voi la spiegazione… ed è proprio questa la bellezza di un film, la capacità di creare emozioni e storie che rispecchiano la frammentarietà dell’esperienza. Il cinema aiuta a sognare, ed è facile immergersi negli scenari delle fattorie americane costruite dai pionieri alla “scoperta del West”. Fotografie che raccontano la civiltà contadina e i suoi ritmi, le giornate spese sui campi e negli alpeggi ma soprattutto degli animali che la sostenevano. Scene di vita quotidiana non solo di terre lontane ma della stessa Italia; ricordi che rappresentano un nucleo importante della storia del nostro Paese.
La città di Frosinone con le sue attività di intrattenimento e ristoro, come il cinema e la fattoria, diventa la messa in scena di un set di un cinema ricercato ed aulico di quei film visti al “cinematografo” pluripremiati per i costumi e la fotografia. Per questo sedetevi comodi e godetevi lo spettacolo, e come afferma Wim Wenders “I grandi film cominciano quando usciamo dal cinema.” Buona lettura!
La Redazione.